preload preload preload preload preload preload preload preload

Detrazioni fiscali per le coperture a verde – Comitato per il Verde Pubblico, Ministero dell’ambiente

13 maggio 2014 | categoria: News, Press room | autore: Studio Rigolli | 2 Commenti

logo

 

Le nuove sfide del verde urbano per il III millennio – 3

Una rivoluzione! Semmai ce ne fosse stato bisogno.  Dopo il D.P.R. 59/09, finalmente si afferma in un atto pubblico che anche i sistemi di raffrescamento passivo possono essere agevolati. Si consolida quindi, anche in Italia, l’idea che si possa contribuire al beneficio pubblico collettivo delle aree urbane con interventi sul patrimonio edilizio a chiara sostenibilità ambientale, come quelli offerti dalle soluzioni a verde pensile. In svariati casi abbiamo infatti riscontrato e documentato sia un obiettivo miglioramento delle prestazioni termiche estive (ed in misura ridotta su quelle invernali) del fabbricato, sia una riduzione delle escursioni termiche dell’ambiente circostante l’involucro edilizio.

 

In data 14 aprile, il comitato per il verde pubblico, presso il minambiente, ha emesso una delibera riguardante lo stato dell’arte sulla detraibilità fiscale delle opere di efficientamento energetico degli edifici, in particolare riguardo alle coperture a verde.  (Prot. 0010017/GAB del 13/05/2014)

Così come stabilito dalla circolare 29/E del 18/09/2013 - che ‘qualsiasi intervento, o insieme sistematico di interventi, che incida sulla prestazione energetica dell’edificio, realizzando la maggior efficienza energetica richiesta dalla normativa di riferimento, è ammesso al beneficio fiscale‘- anche le coperture a verde sono considerate quale misura innovativa ed alternativa ai criteri del rispetto dei valori di massa superficiale ed alla trasmittanza termica periodica delle pareti opache, utilizzate per sfruttare gli effetti positivi delle condizioni ambientali esterne che limitano il fabbisogno energetico e contengono la temperatura interna dell’immobile.

Per poter usufruire delle detrazioni fiscali è necessaria la certificazione energetica dell’edificio, che attesti l’effettivo miglioramento delle prestazioni energetiche prodotto dalla copertura a verde realizzata.

2 Risposte

  1. Giovanni Battista scrive:

    E’ un’ottima iniziativa.